Skip to content

La guerra di Soldati: identificato il Barra dell’Huracan e terza notte di scontri

11 dicembre 2010

 

-Julio Capella il Barra dell’Huracan-

Il barra che con la tuta dell’Huracan sparava contro i boliviani durante gli scontri del Parco Indoamericano nel quartiere di Villa Soldati ha un nome, JULIO CARLOS CAPELLA ex calciatore di Serie B Metropolitana dove ha vestito la maglia del DEPORTIVO ESPAñOL la squadra del quartiere dove aveva esordito in prima squadra nel 1998, dopo 2 anni con 11 presenze prova fortuna nel TRISTAN SUAREZ sempre in Serie B ma gioca solo 8 partite come terzino sinistro, nel 2001 prova fortuna in Europa, gioca qualche amichevole con l’Atletico Madrid B e sembra che abbia girato un po l’Italia cercando di strappare un contratto con qualche squadra di Serie C1 e C2 questo scarso terzino sinistro che sicuramente sognava con uscire nei primi piani dei giornali alla fine ci e riuscito ma per un fatto di cronaca.

Capella e molto conosciuto nel mondo delle Barras, da quando ha smesso di giocare calcio ha continuato a vivere di questo sport ma stavolta come Barra, al ritorno dei provini in Europa diventa membro della prima linea della Barra del Deportivo Español ma abitando a Villa Soldati zona Quemera il ragazzo trova l’amore con una giovane del posto che risulta essere la sorella minore di Claudio y Pablo De Respinis gli storici capi della Barra de La Quema. Presentato alla barra come il cognato dei capi si guadagna subito il rispetto dei Quemeros e diviene uomo di fiducia della prima linea della frazione JOSE C PAZ della barra del Globo.

Capella e stato uno dei 22 Barras del HURACAN che sono andati ai Mondiali del Sudafrica 2010 con i ragazzi de “Hinchadas Unidas Argentinas” tutti coi biglietti pagati del Governo, non ha dei precedenti penali ne condanne per deliti da stadio, ma non si esclude la sua partecipazione alla famosa BATAGLIA DEL DUCO del 21 Giugno 2009 nell’Intervallo di HURACAN-ARSENAL quando la JOSE C PAZ a colpi di pugno caccio fuori la curva i ragazzi della Villa Zabaleta, gli scontri continuarono fuori lo stadio e hanno lasciato due morti Fernando De Respinis il fratello minore dei capi della curva e Orlando Sosa della Villa Zabaleta.

I Capella sono una famiglia molto legata al calcio e al mondo delle barras, il cugino di Julio si chiama Marcelo e membro della Barra de La Quema ma e colpito col “Derecho di Admision” e non puo entrare allo stadio, il fratello si chiama Matias e il magazziniere del Boca ed e segnalato come uno dei capi della barra del Deportivo Español e suo padre si chiama Carlos ed e lo storico massaggiatore della prima squadra del Boca.

Cosa faceva Capella nel Parco Indoamericano l’altra sera?? il suo avvocato Rodrigo Gonzalez dice che stava dando una mano alla sua famiglia che abita nelle torri popolari proprio di fronte al Parco e che se difendevano dell’attaco degli immigrati, il legale ha chiesto alla Polizia di chiarire la situazione di Capella, le forze dell’ordine e la giustizia dovrano chiarire se quello che ha in mano Capella e un ferro e se Capella ha sparato (sembra una presa in giro ma e vero!!)

Ma le indagini ci raccontano un altra storia, ed e che in quella Zona di Villa Soldati i “ragazzi” della barra dell’Huracan e del Deportivo Español sono i boss di tutti gli affari sporchi della zona e che qualcuno ha pensato “Se lasciamo a questi immigrati clandestini di stabilirsi in questo posto, oggi non fanno niente ma domani diventerano la nostra concorrenza”

Il Bilancio della terza giornata:

Dopo una giornata di tensione e con solo 4 volanti della Polizia Metropolitana, i vicini di Villa Soldati hanno deciso di tornare alla carica contro gli immigranti, prima hanno attacato la polizia una 20 di agenti sono stati cacciati via del posto “Andate via di qua voi non servite ad un cazzo!! fuori dei coglioni!!” poi sono entrati all Parco e hanno dato fuoco alle tende dove dormivano gli immigranti, un ragazzo boliviano da 18 anni era stato ferito durante gli scontri fu caricato in ambulanza per portarlo all’Ospedale ma l’Ambulanza fu fermata hanno fatto scendere il ferito l’hanno buttato a terra e ammazzato per strada con 2 spari alla testa, poi se la sono prese anche coi giornalisti ai qualli hanno rubato fotocamere e tagliati i cavi delle TV che trasmettevano in diretta.

Intanto il Sindaco di Buenos Aires, Maurizio Macri ex presidente del Boca Juniors chiede aiuto al Governo Nazionale, il Governo dice che sono affari della città, la Polizia non vuole intervenire, gli immigrati non vogliono andare via e gia sono 4 i morti più un numero importante di feriti che non si riesce a contabilizzare perche sono tutti immigranti senza documenti che non si fanno medicare per paura di essere scoperti.

  

Annunci
One Comment leave one →
  1. anonimo permalink
    13 dicembre 2010 02:02

    ONORE AI BORRACHOS DI VILLASOLDATI………….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: