Skip to content

Colon-Belgrano, incidenti dentro e fuori dello stadio, arrestato il portiere Olave

20 agosto 2012

– OLAVE cerca di calmare la barra del Belgrano –

Dopo le prime due giornate del Torneo Inicial 2012-2013 trascorse con della calma piatta, ecco che arrivano i primi movimenti di questo campionato.
Il sabato sera inizia bene il week-end, al Nuevo Gasometro per San Lorenzo – Estudiantes La Plata vengono respinti all’ingresso 25 barras dell’ Estudiantes, dopo essere stati controllati con il SABED (scanner che legge le impronte digitali) la “tecnologia” li ha respinti perche figuravano nell’elenco degli indesiderati, tutti fuori ma nessun problema con la Polizia Federal.
Lasciamo la città di Buenos Aires e andiamo al nord verso Santa Fe, allo stadio Brigadier Lopez il Colon riceve il Belgrano di Cordoba, una partita molto “caliente” perchè tra la gente di Santa Fe e quella di Cordoba non corre buon sangue.
In settimana le autorità di Cordoba consigliavano ai tifosi del Belgrano di stare all’occhio, sopratutto con la Polizia e poi con i tifosi del Colon, alcuni tifosi non hanno ascoltato i consigli e sono andati lo stesso presto per fare un picnic nel parco dietro l’ingresso al settore ospiti.
Tempo di accendere il carbone e preparare la griglia che arrivano i tifosi del Colon che abitano nel quartiere Fonavi (Gli stessi che qualche settimana fa avevano attaccato i tifosi del Rosario Central), picchiano, rubano alla gente e distruggono le macchine.
A fine partita il caos, con il risultato sul 2-2 ed in pieno recupero scoppiano gli incidenti all’interno del settore ospite, la Polizia inizia a sparare proiettili di gomma ed i Vigili del Fuoco lanciano acqua per sgomberare la curva dei tifosi del Belgrano, quando i giocatori ospiti si rendono conto di quello che succede in curva corrono verso il loro settore per cercare di calmare la polizia e i propri tifosi, alcuni sono un pò alterati visto che c’erano pure i parenti dei giocatori in quel settore.
I calciatori accusano i poliziotti di una repressione senza motivo, ma per i poliziotti la repressione è iniziata dopo che i barras del Belgrano avevano deciso di tornare a Cordoba con qualche ricordo di Santa Fe e stavano cercando di rubare uno striscione della tribuna del Colon.
Il dialogo tra giocatori e poliziotti si fa sempre più esasperato, il portiere del Belgrano Juan Carlos Olave perde la testa e colpisce prima un poliziotto e poi un vigile del fuoco. A fine partita viene arrestato e portato nel commissariato di polizia dove verrà liberato nelle prime ore di domenica dopo essere stato “schedato” con il P.M che lo ha informato che verrà rinviato a  giudizio per aggressione ed oltraggio a pubblico ufficiale.
A prendere il posto di Olave nel pullman della prima squadra per ritornare a Cordoba è stato un bimbo di 10 anni rimasto da solo in curva dopo che il padre e lo zio sono stati feriti e la loro macchina devastata dai tifosi del Colon.
Caos anche in Tribuna Stampa dove tifosi del Colon aggrediscono il radiocronista di Cordoba devastando la cabina di trasmissione e rubando microfoni e computer.
I tifosi del Belgrano bastonati e colpiti della Polizia di Santa Fe hanno ricevuto le prime cure dopo circa 200 km di viaggio a San Francisco, la prima città della provincia di Cordoba lasciando le terre di Santa Fe, all’ingresso di San Francisco la Croce Rossa di Cordoba aveva preparato una tenda per curare i feriti.
L’unico giocatore del Belgrano a parlare è il portiere “Non sono stato arrestato, sono stato portato nel commissariato per dichiarare!“.
Da quanto sappiamo noi non è vero dato che il portiere è stato notificato dal P.M di Santa Fe del arresto e poi subito dopo le prime dichiarazioni è stato rilasciato in libertà perche non aveva precedenti penali. Olave ha dichiarato di non aver picchiato  nessuno ma nei video si vede come colpisce il vigile del fuoco. L’estremo difensore poi continua a spiegare alla stampa Argentina “Sono stati momenti brutti, c’erano le nostre famiglie in quella curva, non ci hanno dato i soliti accrediti in tribuna hanno piazzato i nostri parenti nel settore ospiti, non si può giocare al calcio mentre la polizia sta menando i tuoi parenti e i tuoi tifosi, abbiamo cercato di calmare gli animi ma la polizia di Santa Fe non capisce nulla non si sgombera un settore ospite lanciando acqua e sparando proiettili di gomma!

A Cordoba non vedono l’ora che arrivi la terza del girone di ritorno, si tratterà di una bella giornata di sano sport!

Di tutti i video che girano sul web, questo forse è quello che fa il riassunto di tutto quello che è successo sabato sera a Santa Fe, l’arrivo dei tifosi allo stadio, le macchine distrutte, la repressione della polizia, il pugno del portiere al vigile del fuoco, l’assalto al radiocronista tutto con la colonna sonora di Divididos che interpretano un pezzo di Pappo chiamato “Sucio y Desprolijo” (Disagiato e sporco) tutto in 3:28 minuti! Buona Visione!

Advertisements
2 commenti leave one →
  1. andreaboysvalt permalink
    20 agosto 2012 20:45

    Non vedo l ora di andare a Cordoba con LA12…….. Eheheheh

  2. gigibongio permalink
    21 agosto 2012 22:16

    Olave! mitico!

    Ciao Bohemio un abrazo dalla Valtellina!!!!

    Dale Atlanta!!!!!

    Gigi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: