Skip to content

Coppa Sudamericana: Sao Paulo-Tigre, cose che capitano!

13 dicembre 2012

Tigre033.JPG

La foto ci mostra lo spogliatoio del Tigre durante l’intervallo della finale della Copa Sudamericana giocata ieri sera allo Stadio Morumbì di Sao Paulo dove i giocatori (alcuni con i segni di qualche bastonata presa) stanno decidendo se rientrare o meno per giocare il secondo tempo.

Stamattina prima di partire per il lavoro avevo condiviso il video sulla nostra pagina facebook  ma dovendo uscire di corsa non ho avuto tempo di scrivere due righe, anche perche sicuramente essendo una finale (e per di più in diretta su Sky Sport) la notizia è arriva subito ai mass media e tutti i siti iniziano a sparare e scrivere le proprie verità.
Si parla di persone con delle pistole negli spogliatoi come se fosse una roba strana (ma ormai basta leggere Interior Violento per rendersi conto che queste cose capitano ogni volta che si gioca una Finale di qualsiasi Lega/Torneo Sudamericano) e questo in Sudamerica capita sin dai primi anni del ‘900 ed diventato più “popolare” dal 1931 con l’inizio dell’era del Calcio Professionistico.
Dal 1931 fino ai primi anni ’60 non esistevano i settori ospiti, si andava in trasferta da soli e la squadra che giocava in casa minacciava sempre i rivali, così i dirigenti decidono di iniziare a stipendiare “tifosi” per difendere lo spogliatoio e la squadra quando si va in trasferta ed è così che nascono i primi gruppi che più tardi verranno denominati “Barras Bravas”.

Se siete amanti delle storie del Calcio, provate a leggere qualcosa sulle vecchie finali Intercontinentali andata e ritorno tra Sudamericani e Europei, andata a vedere le immagini di Racing ClubCeltic Glasgow con il Racing che ad Avellaneda ribalta il risultato con 300 persone in campo e vince poi lo spareggio in Uruguay (c’è un film che si chiama “La Battaglia dello stadio Centenario“) oppre leggete della finale Estudiantes-Milan o di Estudiantes-Manchester United con i famosi “Animals” dell’Estudiantes.

Il voler vincere “de guapo” (con stile mafioso giocando in casa) è nel DNA delle squadre Sudamericane. Basta solo vedere l’albo dei vincitori delle Coppe Sudamericane e ci rendiamo conto subito che solo in poche occasioni una squadra riesce a vincere un trofeo in trasferta (sono vecchio sto arrivando ai 40 se non ricordo male solo il Velez e il Boca hanno vinto la Libertadores in trasferta in Brasile ma dopo i calci di rigore, entrambe le squadre allenate da Carlos Bianchi).

Tornando al discorso di ieri sera, che potesse finire male era scontato ma solo se il Tigre avesse vinto la Coppa, ma per capire bisogna tornare indietro di almeno dieci giorni.
Dopo la vittoria in Colombia con il Millionarios di Bogotà ed il conseguente approdo in finale, il Tigre che non può giocare nel suo stadio del quartiere Victoria perchè ha una capienza inferiore ai 30.000 posti (il minino per una finale continentale è di 40.000) deve scegliere uno stadio e la scelta ricade su “La Bombonera”.  Potevano scegliere il “Monumental”, molto più vicino ma più grande e più difficile da riempire e con il pubblico lontano dal terreno di gioco. Una  scelta giusta poteva essere il “Josè Amalfitani” del Velez,  più piccolo e con i tifosi vicini, ma i dirigenti del Tigre  decidono per lo stadio del Boca perchè il Sao Paulo non aveva mai vinto in quello stadio!
I giocatori argentini, alle prime armi in una competizione continentale, cercano di metterla sulla rissa e la prima finale finisce 0-0, dimenticandosi però che il ritorno si gioca in Brasile e che il Sao Paulo di finali ne ha giocato più di una…
Già dall’arrivo in Brasile inizia la Via Crucis della squadra della periferia nord di Buenos Aires, il pullman che fa dei giri strani, l’albergo scomodo, il Sao Paulo che non li fa allenare nel Morumbì e quindi “assaggiare” il terreno perchè c’era stato un concerto di Madonna e bisognava curare il prato, i biglietti per i tifosi del Tigre che arrivano all’ultimo momento ( i tifosi del Tigre si erano organizzati ma i biglietti li vendevano solo allo stadio con il rischio di rimanere fuori!),  la squadra che dall’albergo in pullman ci mette una vita per raggiungere lo stadio la polizia e gli steward che vietano i giocatori del Tigre di fare riscaldamento dentro il terreno di gioco.

In questi condizioni si è giocata la finale, il Tigre cerca di metterla sulla rissa ma ne prende due già nel primo tempo e la partita diventa un combattimento.
Alla fine del primo tempo scoppia la rissa che si vede nel video e poi l’attacco denunciato dei giocatori nello spogliatoio. Si dice che il portiere Albil sia stato colpito con il calcio di una pistola sul petto, che c’e stato qualcosa con gli steward e da lì poi la scelta di non entrare in campo per giocare il secondo tempo.

Cosa si aspettavano i giocatori del Tigre, di vincere una finale a tavolino? in Argentina non si sono mai trovati in una situazione del genere?
Io personalmente sarei sceso in campo a spaccare le gambe ed al limite la faccio finire prima per inferiorità numerica dopo aver spaccato un tot di gambe!
I dirigenti del Tigre fanno i moralisti  condannando le pistole nello spogliatoio, forse si scordano quando erano in  B Metropolitana e le squadre ospiti dovevano passare sotto la loro curva per entrare negli spogliatoi che erano sotto la tribuna laterale di legno dove si piazzava la Barra Brava ed i barras del Matador giravano liberamente per la zona minacciando squadra e dirigenti ospiti.

Adesso il Tigre rischia una multa e una squalifica per le competizioni sudamericane (chissà quando tornerà a qualificarsi quindi rischia poco a questi livelli) ma la figura di merda non gliela toglie nessuno!

Questo è il mio punto di vista. Le analisi moraliste li lascio per quelli che hanno scoperto le pistole e le spinte in uno spogliatoio ieri sera in una diretta Sky!

Advertisements
One Comment leave one →
  1. andreaboysvalt permalink
    14 dicembre 2012 07:48

    Pibes anche nel 2007 il Boca vince il ritorno a Porto Alegre contro il Gremio per 2-0 doppietta di Juan Roman Riquelme e solito rigore alle stelle di Martin Palermo…. Anche se all’andata alla Bombonera si era vinto comodamente per 3-0……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: