Skip to content

Politica e Barras Bravas: Si dimette sotto minaccia il presidente del Chacarita, scoppia una faida interna 6 feriti 2 molto gravi

21 febbraio 2013

0chacabarra

Settimana movimentata per i “Funebreros” del Chacarita, inizia tutto sabato pomeriggio allo stadio di San Martin, mentre si gioca Chacarita – Tristan Suarez per la B Metropolitana, due barras bravas lasciano la curva dirigendosi verso la tribuna d’onore e chiedono al presidente Hector Lopez 35.000 pesos (circa 5.000 euro) per finanziare la trasferta del mercoledì ssuccessivo a San Juan dove c’è il turno di Copa Argentina (poi perso ai rigori) contro il Godoy Cruz di Mendoza (tra l’altro Funebreros e barras de El Tomba sono gemellati), il presidente risponde che non ci sono soldi e viene minacciato di morte davanti a tutta la sua famiglia.
A fine partita chiama i suoi pari del Consiglio Direttivo, assieme a Lopez si dimette un altro dirigente, Raul Escalante detto “Muchinga”, ex leader della barra che lasciò l’incarico al suo figliastro Diego Pulistsik, arrestato poco tempo fa per narcotraffico.
Durante il conclave del consiglio un altro dirigente, Patricio Gines accusa il vicepresidente Jose Lipori di aver organizzato tutto, il vicepresidente si difende ma ad un certo punto Gines tira fuori una pistola e la punta alla testa del vicepresidente urlando “Mi devo prendere io cura di questo traditore?” ma per fortuna gli altri dirigenti l’hanno fatto ragionare facendolo desistere dal suo intento,

Mentre negli uffici del Club i dirigenti si minacciano e si dimettono, ad un km di distanza la sezione appartenente a Villa La Rana (la favela più malfamata della zona) spara contro la “barra oficial”. Vengono colpiti il capo Merlo ed il suo braccio destro Parra, trasportati poi in gravissime condizioni all’Ospedale Manuel Belgrano di San Martin.
Nelle prime ore di martedì il gruppo “oficial” decide di pareggiare, o meglio di ribaltare la situazione presentandosi a Villa La Rana armi in pugno e lasciando a terra 4 feriti!

Dall’interno della dirigenza del Chacarita dicono che la situazione è molto complicata, nessuno parla ne ha visto niente ma tutti puntano il dito contro Gines. “figlio d’arte” di Arturo “El Turi” Gines, leader della barra negli anni 80 (i tempi d’oro della barra del Chacarita) che nei primi anni 90 lasciò l’incarico per dedicarsi alla politica con il Partito Justicialista ed oggi è il direttore dei magazzini generali di San Martin rispondendo agli ordini di un suo ex compagno di curva, Oscar “el Mono” Bitz che lavora come sottosegretario di politiche metropolitane del Governo della Provincia di Buenos Aires
Ai giornalisti che seguono il Chacarita il presidente Lopez dichiara “Sembra tutto organizzato dal Partito Justicialista, non vi sembra strano che tutto questo accade il giorno che allo stadio torna Caprioti?”
Caprioti è un ex dirigente del Chacarita, a metà anni 90 il Chacarita che attraversava un periodo di crisi economica e fu “governato” da Luis Barrionuevo, sindacalista che voleva fare carriera nel mondo della politica e che aveva dichiarato in TV “Nessuno fa i soldi lavorando!, sapete come si risolvono i problemi dell’Argentina? Bisogna che i politici smettano di rubare per 2 anni!”
Barrionuevo prese il Chacarita in B Metropolitana a rischio retrocessione, sapeva che la barra brava che all’epoca era la più violentadel paese non era vista bene all’interno dell’AFA ed iniziò a dialogare con i “ragazzi”, offrendo biglietti gratis ai mondiali Usa 94 e Francia 98 in cambio di una buona condotta, cosi poteva riportare il Chacarita in serie A e curiosamente nel 99 il club tornò in serie A dopo 15 anni di assenza!
Altrettanto curiosamente dopo che il signore Barrionuevo ha lasciato il club per impegni politici, il Chacarita in due anni e mezzo ha lasciato la serie A per tornare in terza divisione ed il suo uomo di fiducia, l’ex Sindaco di San Martin Ivoskus ha perso le ultime elezioni ai danni del FPV (Frente Popular para la Victoria) un gruppo interno del Partito Justicialista che risponde alla presidentessa Kirchner, che non ha dei buoni rapporti con Barrionuevo.

Questo che sta accadendo all’interno del Chacarita in qualsiasi momento puo accadere in qualsiasi altra squadra delle serie minori che appartengono o rappresentano un distretto della periferia di Buenos Aires, ci illustrano e ci fanno capire il rapporto tra barras bravas e i politici e quanto sono importanti le barras all’interno della politica del club o del comune/dipartimento/ distretto.
Oggi è il turno dei Funebreros, domani potrebbe essere qualsiasi altra squadra delle più di 70 che ci sono tra Nacional B, Primera B, Primera C e Primera D sparse per i distretti e dipartimenti che compongono la periferia di Buenos Aires.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: