Skip to content

Argentino A: Santamarina de Tandil-Racing Olavarria. Incidenti negli spogliatoi a fine partita, l’intera squadra ospite finisce al commissariato di polizia.

28 agosto 2013

chaira1

Riparte il calcio minore dell’ Interior Argentino e ripartono gli incidenti. Per il Torneo Argentino A (terza divisione per le squadre dell’Interior) nel cuore della provincia di Buenos Aires si gioca il derby tra Santamarina de Tandil ed il Racing della vicina città di Olavarria per il posticipo del lunedì.
Da quest’anno per disposizione dell’ A.Pre.Vi.De (l’ Osservatorio Argentino) anche in questa categoria le trasferte sono vietate!
La partita è tirata come tutti i derby, al 90′ i padroni di casa sono in vantaggio 3-2 e l’arbitro nega un rigore clamoroso al Racing, contropiede del Santamarina e gol del 4-2 finale con polemica in campo. Dopo il solito finale con toni alzati di voce e spintoni le squadre lasciano il terreno di gioco e sembra tutto finito ma Martin Mocoroa, portiere del Racing, nella zona degli spogliatoi riconosce uno Steward che nel derby della scorsa stagione l’aveva preso in giro e decide di vendicarsi! Parte prima “leggero” con qualche insulto ma poi dalle parole ai fatti ci vuole poco e volano schiaffoni.
Interviene subito la Guardia de Infanteria della Polizia della Provincia e sono attimi di tensione, la squadra ospite riesce a chiudersi all’interno dello spogliatoio e iniziano a trattare con la polizia che vuole arrestare il portiere, finalmente si decide di andare tutti insieme al Commissariato di Polizia di Tandil dove l’intera squadra rimane ferma fino alle 3 dal mattino ed al portiere viene notificata una denuncia ed un richiesta d’applicazione nei suoi confronti della Ley del Deporte (una sorte di Daspo)

chaira2
Da sottolineare che mentre il torpedone degli ospiti lascia lo stadio in direzione del commissariato viene preso a sassate dai tifosi locali.

Il Video:
Notare come i giocatori/ausiliari del Racing si rivolgono alla polizia “A vos hijo de puta! Veni mano a mano hijo de puta!” “A te figlio di puttana, vieni senza la divisa!”

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: