Skip to content

L’ultima pazzia di Julio Grondona: la Primera Division a 30 squadre.

3 maggio 2014
Il Boss dell'AFA Julio Umberto Grondona

Il Boss dell’AFA Julio Umberto Grondona

Martedì 29 aprile l’assemblea composta da tutti i presidenti dei club membri dell’ AFA  hanno approvato il nuovo torneo 2015 con 30 squadre in Serie A, l’ennesima invenzione del Boss Julio Grondona con la complicità della Politica  e di “Futbol Para Todos”.

L’ ok di tutti i presidenti dei club è arrivato in tarda serata, ma ulteriori dettagli li conosceremo nelle prossime settimane (si parla dell’ 8 maggio) nelle riunioni del “Consejo de Administracion” quando si inizierà a trattare la forma di disputa del Campionato.
Si vocifera di un girone unico a 30 squadre con partite di sola l’andata e con solo i “Clasicos”  da disputare con andata e ritorno, quindi 30 partite in tutto l’anno. Secondo questa teoria dell’ AFA, i giocatori si stanccheranno di meno ed i club impegnati nei tornei Sudamericani (Copa Libertadores e Copa Sudamericana) non dovranno sobbarcarsi tour de force.
Dopo aver approvato il progetto disegnato da Grondona, i presidenti però si sono accorti che con un torneo di solo 30 squadre diminuiscono sia gli incassi ai botteghini che quelli per i diritti televisivi, visto che una squadra con questo sistema gioca solo 15 volte in casa contro le 19 partite che gioca attualmente.
Ci sono già diverse linee di pensiero con alcuni che addirittura vorrebbero allargare la Primera a 36 squadre per poi dividerla in due gironi di 18 squadre. Come sempre, siamo alla follia totale in Argentina.

Al momento per arrivare alla formula delle 30 squadre, si è pensato ad un torneo di transizione dopo i Mondiali in Brasile.  Mentre la Serie A giocherà un torneo a girone unico per stabilire un Campione, 22 squadre della B Nacional verranno divise in due gironi da 11 squadre e giocheranno un torneo andata/ritorno dove le prime 5 di ogni girone saranno promosse in Serie A.
Il Torneo del 2015 invece prevede che il Campione ed altre due squadre assieme alla squadra che vince la Coppa Argentina giochino la Copa Libertadores, mentre quello che non è ancora chiaro è il sistema di retrocessione.
Si continua a parlare dei Promedios e se così fosse il primo anno sarebbe tragico per le squadre neo-promosse visto che dovranno fare una media punti pazzesca in sole 30 partite per non tornare in B Nacional visto che i promedios sono decisamente alti.
Se si manterranno i “promedios” ci sono squadre come Quilmes o All Boys (potrebbe retrocedere questo week end) alle quali converrà retrocedere piuttosto che salvarsi, dato che se retrocedono giocheranno sei mesi in B Nacional con la possibilità di tornare a Gennaio nella massima serie finendo nei primi 5 posti del girone da 11 e se vengono promosse il loro promedio si azzera, mentre se si salvano partirebbero all’ultimo posto con un promedio basso da ingrossare in solo 30 partite.
Ne beneficeranno anche la squadre della B Metropolitana e dell’Argentino A (terza serie), dove dalla parte di Buenos Aires il Nueva Chicago ha un piede in B Nacional ed il Ramon Santamarina de Tandil ha vinto l’Argentino A. Queste due squadre assieme alle vincenti dei play-off hanno la possibilità di finire in meno di sei mesi in Primera facendo il doppio salto di categoria!

Come si è arrivati a pensare ad una cazzata del genere?

Già si aera pensato a qualcosa di simile con una Primera a 40 squadre divisa in due gironi da 20 qualche anno fa quando il River era retrocesso in B Nacional, ma il progetto giustamente fu bocciato dai dirigenti dei clubs, gli stessi che adesso votano questo progetto. E come mai?
C’e chi pensa che Grondona ha paura che il suo Independiente non venga promosso in Serie A e che Racing e Boca non sono messi bene coi promedios.
La verità è che Julio ha saputo creare un sistema finanziario composto da calcio, politica e televisione, riuscendo a rovinare finanziariamente tutte le squadre del Calcio Argentino facendole diventare “schiave” della politica, dei diritti televisivi e dei crediti finanziari che concedono le casse dell’ AFA.
“AFA rica CLUBES pobres ” (AFA ricca Club poveri) dicono in Argentina e non si sbagliano perche dai primi anni 80 i clubs hanno iniziato a indebitarsi sempre di più, colpa dei cattivi dirigenti che hanno rubato parecchi soldi, colpa dell’a Federazione che decideva quali squadra servivano nella massima serie e quali no e colpa di alcune società che hanno avuto la fortuna di avere il politico di turno disposto a spendere cifre miliardarie per regalare gioia ai tifosi che poi diventano voti sicuri nel mondo della politica.
Le società senza l’aiuto dell’ AFA sarebbero già saltate per aria e quindi dipendono delle briciole di soldi che il Boss Grondona gli fa arrivare, sia finanziando occultamente qualche opera sia garantendo attraverso “Futbol Para Todos” i soldi dei diritti TV (ci sono dei clubs che hanno già incassato i diritti TV fino al 2016 per evitare fallimenti)
Per questo motivo è facile capire perchè quando il Boss presenta un torneo nuovo nessuno osa votare contro di lui.

Julio Umberto è arrivato alla presidenza dell’ AFA nel 1979 nominato dalla dittatura Militare, ha saputo mantenere l’incarico con governi sia militari che democratici, resistendo ai governi dei Radicales, Alianza e Peronistas ed era il candidato a sostitutire Joao Avelange nella massima poltrona della FIFA, ma ha preferito lasciare il posto a Blatter cosi avrebbe potuto continuare a fare soldi con il calcio Argentino rimanendo di fatto il numero due della FIFA.

Il torneo a 30 squadre del 2015 diventerà il torneo di Serie A con più squadre dal 1931 (il primo dell’era professionale) ma quello con più squadre in assoluto disputato in Argentina è quello del 1930, curiosamente l’ultimo dell’era “Amateur”. In quel momento in Argentina esistevano la Asociacion Argentina e la Asociacion Amateur, due enti diversi che avevano deciso di fondersi per unire le forze così chenacque un Torneo a 36 squadre vinto dal Boca Juniors. Ma le squadre erano troppe e si decise di creare una Liga Profesional, facendo così nascere il nuovo campionato del 1931.
Questa è la classifica dell’ultimo Campionato Amatoriale.

Classifica 1930

Classifica 1930

Noterete come nel 1930 le 36 squadre erano tutte della Città di Buenos Aires e della Periferia, solo nei primi anni ’40 vennero invitati Newell’s e Rosario Central, a fine anni ’50 le due di Santa Fe (Colon e Union) mentre a fine anni 70 le tre squadre di Cordoba (Talleres, Racing ed Instituto). Il Nacional B fu creato nel 1986 invitando 10 squadre dell’Interior a giocare in B e di queste oggi giocano nella amssima serie  Belgrano, Atletico Rafaela, Godoy Cruz e Olimpo.
Il Talleres che vedete al quinto posto è quello di Remedios de Escalada (località tra Lanus e Banfield) dove hanno giocato Zanetti e Denis.  Di queste 36 squadre solo 7 non hanno più giocato calcio a livello professionistico, anche se i club continuano ad esistere come polisportive: Sportivo Buenos Aires, San Fernando, Argentinos de Banfield, Sportivo Palermo, San Isidro, Honor y Patria e l’Argentinos del Sud.

Tornando al discorso del Torneo 2015 e sentendo i tanti amici argentini, tutti ragazzi che tifano sia squadre di Serie A che di Serie C, ci fanno sapere che a nessuno piace questa nuova idea, nessuno ha trovato niente di positivo in questo, non sono contenti quelli dell’Argentinos appena retrocessi, non sono contenti quelli delle squadre di B Nacional che potrebbero fare il doppio salto in 6 mesi.

Ma quello che preme più  ai pibes argentini è tornare in trasferta per tifare la loro squadra del cuore (quelli delle serie minori sono 8 anni che non possono seguire la squadra in trasferta, pensate cosa gli puo interessare di giocare in Serie A!) senza restrizioni, tessere o circolari varie.

QUE VUELVAN LOS VISITANTES!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: